Damon Weaver aveva solo 11 anni quando entrò alla Casa Bianca ed intervistò niente meno che Barack Obama, il primo presidente afroamericano della storia. Era anche lui afroamericano e sui social divenne una piccola star. Lo scorso primo maggio è morto a 23 anni, come si apprende dal quotidiano della città della sua famiglia, il Palm Beach Post. È morto per cause naturali, spiega la sorella, e per ora non sono trapelati altri dettagli.

La sua intervista a Obama risale al 13 agosto 2009 e dura circa dieci minuti, tuttora visibile su YouTube. “Quell’esperienza gli cambiò la vita”, racconta sempre la sorella, spiegando che Damon stava studiando comunicazione alla Albany State University, in Georgia. Nella chiacchierata col presidente si parlò di scuola, di bullismo, di basket e di tanto altro. “Posso diventare suo amico? Biden è già d’accordo”, le ultime parole che rivolse ad Obama, che con un ampio sorriso rispose: “Certamente!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele-Gaza, all’Onu rimangono le divisioni. Guterres: “Subito cessate il fuoco”. Ma Netanyahu dice: “Operazione richiederà tempo, abbiamo il sostegno Usa”

next
Articolo Successivo

Attacchi informatici, il 90% delle infrastrutture energetiche è a rischio. L’esperto: “Sistemi obsoleti e vulnerabili”

next