“I partiti hanno scelto di non riformare la Rai, ma solo di occuparla. Siamo convinti invece che si possa fare, a partire dai disegni di legge che già ci sono in Parlamento. Serve una corsia preferenziale per arrivare a una riforma che garantisca reale indipendenza e autonomia”. A rivendicarlo è il segretario nazionale dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani, nel corso del presidio dei lavoratori e delle lavoratrici di fronte alla sede dell’azienda del servizio pubblico, a Saxa Rubra, a Roma, organizzato proprio per chiedere di liberare l’azienda dai partiti e dal governo. Il presidio è stato organizzato in contemporanea anche in diverse città italiane. “‘Fuori partiti e governi dall’azienda dalla Rai?’ Purtroppo è diventato uno slogan da opposizione. Una volta al governo, i partiti se ne dimenticano. E ora sono tutti al governo…”, è l’attacco rivolto dai vertici sindacali. E, in vista del rinnovo del vertice della tv pubblica, atteso per la prima parte di giugno con le elezioni dei quattro membri del Consiglio d’amministrazione scelti dalle Camere, con il voto sul rappresentante dei dipendenti e le nomine di amministratore delegato e presidente da parte del governo, è il consigliere uscente (eletto dai dipendenti) Riccardo Laganà a chiedere “trasparenza” sulle scelte. Ma non è il solo. “Serve un dibattito pubblico, in Parlamento”, precisa con lui Di Trapani. “Si chieda almeno al presidente della Vigilanza Alberto Barachini di leggere le candidature…”, insiste sarcastico anche il presidente della Federazione nazionale stampa italiana, Beppe Giulietti. Giulietti è convinto che la riforma non ci sarà: “Non ci sono i tempi. Non la faranno. Draghi faccia un decreto sulle fonti di nomina e sul canone”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MicroMega festeggia i 35 anni con un doppio volume. Flores D’Arcais: “Il mattone non è andato a fondo come avevano profetizzato”

next
Articolo Successivo

La cassa di previdenza dei giornalisti scrive a Draghi: “Soldi per le pensioni solo per 2 anni”. E il cda non ha fatto nulla per invertire la rotta

next