A inizio maggio era stat0 già registrato il crollo della mortalità tra gli over 70, fascia della popolazione già completamente immunizzata. E ora, a fronte di una campagna giunta a 53,4 milioni di dosi somministrate inclusi 17,4 milioni di richiami, il Regno Unito registra risultati particolarmente incoraggianti anche fra gli ultracinquantenni, ormai vaccinati per oltre il 90% con una prima dose. Per questa fascia, i decessi registrati in Inghilterra e Galles al 23 aprile sono stati inferiori del 96% rispetto al picco di massima diffusione dell’aggressiva ‘variante inglese’ del virus di gennaio.

Negli ultimi due mesi censiti dall’Ons, equivalente dell’Istat, inoltre, il totale dei morti per qualsiasi causa è tornato al di sotto della media dei 5 anni pre-pandemia. Inoltre secondo uno studio del sistema sanitario nazionale britannico calano di circa l’80% dopo una sola dose di vaccino – sia AstraZeneca sia Pfizer – i rischi di morte da Covid censiti nel Paese. Un secondo studio, condotto solo su Pfizer e relativo alle persone pienamente vaccinate con prima dose e richiamo, accredita invece una riduzione del rischio di mortalità dopo la 2/a dose pari addirittura al 93%.

Alla luce del netto calo di contagi e decessi da Covid, i chief medical officers delle quattro nazioni del Paese, che svolgono compiti di consulenza primaria sulla pandemia nei confronti delle autorità di governo, l’hanno ridimensionata dal livello 4 al livello 3: scenario che indica come il virus sia al momento “in circolazione” nella generalità dell’isola, ma non più in fase di espansione tale da mettere sotto pressione il sistema sanitario.

Una situazione che ha portato il governo ad allentare ulteriormente le restrizioni nel Paese, stabilendo che dal 17 maggio sarà consentito abbracciare familiari e amici in Gran Bretagna e saranno attenuate anche le misure di distanziamento sociale introdotte all’inizio della pandemia. “Lasciamo a tutti il rischio di fare le loro scelte. Vi sollecito quindi a riflettere sulla vulnerabilità dei vostri cari, di valutare se sono state vaccinate, con una o due dosi, se è passato il tempo giusto perché il vaccino abbia avuto effetto”, ha affermato Boris Johnson. Da lunedì 17, potranno riunirsi in casa fino a sei persone e 30 all’aperto. Pub e ristoranti potranno riaprire anche all’interno e lo stesso, anche se con meno posti, cinema, musei, palestre e teatri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stretto di Hormuz, nave da guerra Usa spara colpi di avvertimento verso imbarcazioni iraniane – Video

next