Ora è ufficiale, tra qualche mese potremo fare merenda con un insetto. Gli Stati membri dell’Unione Europea hanno autorizzato la commercializzazione a uso alimentare nel vecchio Continente delle cosiddette tarme della farina (larve gialle essiccate del tenebrione mugnaio). Potranno essere utilizzate sotto forma di snack, farina o ingrediente da aggiungere nelle proprie ricette. Si tratta del primo ok dell’Ue all’utilizzo di un insetto in campo alimentare e arriva in seguito alla valutazione scientifica da parte dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

Il “nuovo alimento” (secondo la definizione data dall’Unione Europea) sarà immesso in commercio in diverse forme: come insetto essiccato intero, snack, o come farina, ingrediente utile per numerosi prodotti alimentari. L’autorizzazione stabilisce però dei requisiti di etichettatura specifici che riguardano ad esempio l’allergenicità. L’Efsa, infatti, non ha escluso la possibilità di reazioni allergiche nei soggetti sensibili a crostacei o acari della polvere.

La Commissione europea adotterà la decisione formale nelle prossime settimane. Il via libera rientra nella strategia “Farm to Fork“. Il piano d’azione Ue 2020-30 per i sistemi alimentari sostenibili indica gli insetti come una fonte di proteine a basso impatto ambientale, che possono risultare particolarmente utili alla transizione green delle produzioni alimentari del contenente. Al momento all’esame dell’Efsa ci sono altre undici domande per l’utilizzo di insetti come nuovi alimenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pnrr, saranno dosi più generose di concorrenza e mercato a invertire il declino del paese?

next
Articolo Successivo

A Reggio Calabria c’è voglia di fare impresa, nonostante tutto. La nostra indagine lo dimostra

next