Trionfo della Ducati nel Gp di Spagna: Jack Miller conquista la sua prima vittoria stagionale, Francesco Bagnaia è secondo e grazie al crollo di Fabio Quartararo conquista anche la vetta della classifica mondiale. Sul terzo gradino del podio un rinato Franco Morbidelli, prima delle Yamaha al traguardo. Male, anzi malissimo, il suo compagno di squadra Valentino Rossi, solo 17esimo al traguardo.

Era dal 2006 che la Ducati non vinceva a Jerez de la Frontera. Sembrava dover sfumare l’occasione anche oggi, ma poi Quartararo è improvvisamente imploso, scalando in pochi giri dalla prima alla 13esima posizione finale: il francese deve così cedere il primato nella classifica generale a ‘Pecco’ Bagnaia. Sparita la prima Yamaha ufficiale, è stato un assolo delle Rosse, con l’australiano Miller bravo a impedire il rientro del suo compagno di squadra italiano. Morbidelli unico a riuscire a rimanere quanto meno in scia.

Quarto posto per il giapponese Takaaki Nakagami su Honda, seguito dal campione del mondo Joan Mir su Suzuki. Sesto posto per Aleix Espargaro su Aprilia, settimo per Maverick Vinales sulla prima Yamaha ufficiale. Ottavo il francese Johan Zarco su Ducati, nono posto per Marc Marquez su Honda in costante miglioramento. Chiude la top ten Pol Espargaro su Honda.

La quarta prova della MotoGp sul circuito di Jerez de la Frontera fornisce già le prime risposte sulla stagione 2021. La Ducati dimostra di poter essere competitiva su piste diverse, la Yamaha invece paga ancora l’imprevedibilità di due piloti forti ma altalenanti, con Vinales oggi non pervenuto e Quartararo che ha finito le gomme prima del previsto. La Suzuki, invece, resta una moto affidabile con un campione del mondo che sta continuando a essere costante. Il grande atteso, Marquez, avrà invece bisogno ancora di qualche gara per ritrovarsi pienamente a suo agio in sella a una MotoGp.

Ecco la nuova classifica del motomondiale:
1. Bagnaia (Ita – Ducati), 66 punti
2. Quartararo (Fra – Yamaha), 64
3. Vinales (Spa – Yamaha), 50
4. Mir (Spa – Suzuki), 49
5. Zarco (Fra – Ducati), 48
6. Miller (Aus – Ducati), 39
7. A Espargaro (Spa – Aprilia), 35
8. Morbidelli (Ita – Yamaha), 33
9. Rins (Spa – Suzuki), 23
10. Binder (Saf – Ktm), 21
11. Nakagami (Giap – Honda), 19
12. Bastianini (Ita – Ducati), 18
13. Martin (Spa – Ducati), 17
14. P. Espargaro (Spa – Honda), 17
15. M. Marquez (Spa – Honda), 16
16. Bradl (Ger – Honda), 11
17. Oliveira (Por – Ktm), 9
18. A. Marquez (Spa – Honda), 8
19. Petrucci (Ita – Ktm), 5
20. Marini (Ita – Ducati), 4
21. Rossi (Ita – Yamaha), 4
22. Savadori (Ita – Aprilia), 2
23. Lecuona (Spa – Ktm), 1

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili