Sette misure cautelari sono state eseguite dalla polizia di Gela, in provincia di Caltanissetta, nei confronti di dipendenti dell’Asp del capoluogo. Secondo gli investigatori, gli indagati, diciotto in totale, si sono assentati più volte durante l’orario di lavoro per impegni privati e sono per questo stati denunciati per truffa aggravata, abuso di prestazione d’opera e violazione dei doveri di un pubblico servizio.

I provvedimenti cautelari riguardano due assistenti amministrativi, un collaboratore tecnico professionale, una collaboratrice amministrativa, un programmatore e due coadiutori amministrativi. Tre di loro sono stati interdetti per un anno da tutte le attività del proprio ufficio nell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela. Altri quattro hanno ricevuto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, prima e dopo il lavoro.

L’indagine, denominata Exit, è iniziata oltre un anno fa, nel settembre del 2019, quando un utente si è lamentato delle continue inefficienze e diseconomie organizzative e funzionali della struttura sanitaria. Gli investigatori, interrogando diversi dipendenti della struttura, hanno scoperto che diciotto impiegati dell’ospedale, dopo aver timbrato il badge, se ne andavano senza alcun motivo. Gli assenteisti sono stati così ripresi dalle telecamere di videosorveglianza installate dalla polizia mentre uscivano dopo aver timbrato. Il questore di Caltanissetta, Emanuele Ricifari, ha parlato in merito alla vicenda, dicendo che “si mescolano soddisfazione per il risultato investigativo e tristezza perché ha riguardato impiegati pubblici infedeli e che avrebbero mancato al proprio dovere di servizio verso i cittadini. Esprimo apprezzamento – continua il questore – per gli investigatori perché fare indagini in un contesto pubblico non è facile tantomeno a Gela”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Martina Rossi, la sentenza del processo bis. Condannati a tre anni gli imputati per tentata violenza sessuale di gruppo

next