Lo hanno ucciso a coltellate perché non approvava la loro relazione. È successo nella serata di venerdì ad Avellino, dove, secondo chi indaga, la figlia di 18 anni e il suo fidanzato di 22 hanno tolto la vita ad Aldo Gioia, di 53 anni. L’uomo, ricoverato d’urgenza all’ospedale Moscati dopo essere stato aggredito dalla coppia di ragazzi, non è sopravvissuto alle ferite riportate.

I due fidanzati sono stati trovati a casa del ragazzo dalla Squadra Mobile di Avellino e fermati per omicidio. Gioia è stato aggredito in casa sua, alla presenza della moglie e dell’altra figlia che hanno subito allertato il 118 una volta trovato l’uomo a terra in un lago di sangue. Le due donne sono state trovate in stato di shock dalla polizia che era intervenuta nell’abitazione. Le indagini si sono subito concentrate sulla figlia del 53enne, già fuggita da casa all’arrivo degli agenti, e sul suo fidanzato, un 22enne di Cervinara. I due giovani avevano avuto molteplici diverbi con il padre di lei, al quale la loro relazione non andava giù.

Ancora da accertare l’eventuale premeditazione dell’omicidio, ipotesi inizialmente battuta dagli investigatori. L’attacco col coltello potrebbe essere scaturito da un’ultima, violenta discussione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torre Annunziata, 4 fermi per l’omicidio di Maurizio Cerrato: ucciso per un parcheggio

next
Articolo Successivo

Ucciso a martellate, grave la moglie: fermato il figlio autore di thriller ed ex concorrente de L’Eredità

next