Scontro acceso a “Piazzapulita” (La7) tra Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e Virologia dell’università di Padova, e il deputato della Lega, Claudio Borghi, sull’utilità del lockdown in tempi di pandemia.
Il leghista nega l’efficacia del lockdown, citando lo studio pubblicato lo scorso gennaio sull’European Journal of Clinical Investigation dall’epidemiologo John Ioannidis dell’Università di Stanford, che contesta i benefici derivanti da misure molto restrittive.
E aggiunge: “Io, come rappresentante dei cittadini, studio. Qui ho sentito numeri allarmistici e verità date per assodate, come il fatto che il lockdown funzioni e salvi vite. Con tutto il rispetto per il professor Crisanti, se io devo prendere una decisione importante, vado a sentire i massimi esperti al mondo di epidemiologia. Crisanti è un esperto di genetica della zanzara, che è una ottima cosa, ma non è un esperto di questi argomenti”.

Crisanti commenta: “La nullità che ha detto Borghi si giustifica da solo. Vorrei solo aggiungere che sono contento della mia esperienza come esperto di malaria, perché contrariamente a lei, che sta in Parlamento, io ho visto cosa è una epidemia, ho visto come si combatte, so esattamente quali sono i fattori genetici e ambientali che contribuiscono a trasmettere la malattia, perché un’epidemia è indipendente dall’agente patogeno. Un’epidemia, che sia di malaria, di colera o di influenza – spiega – ha delle caratteristiche principalmente ecologiche, che non hanno nulla a che vedere con l’agente di trasmissione. Io sono molto contento dell’esperienza che ho fatto, perché mi è servita moltissimo, contrariamente a tante altre persone, per esempio del suo partito, che sostenevano che il virus fosse morto o che fosse diventato più buono. È davanti agli occhi di tutti la scempiaggine di quello che è stato detto”.

La polemica si rinfocola successivamente, quando il virologo chiede a Borghi: “La quarantena funziona?”.
“Sì”, risponde il deputato.
Crisanti replica: “E allora mi spiega perché un lockdown personalizzato funziona e un lockdown che blocca la trasmissione a livello sociale no?
“Glielo spiego subito – ribatte Borghi – Lo dicono gli studi che forse lei dovrebbe leggere”.
“Ma quali studi? – controbatte Crisanti – Lei non ha capito nulla di epidemiologia, me lo consenta”.
“Crisanti, dall’alto del suo…”, commenta Borghi.
“Sì – rilancia il virologo – lo dico dall’alto della mia docenza all’Imperial College di Londra: lei non ha capito nulla“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cazzola a La7: “Ingiusto che una società vada in malora per far campare qualche anno in più uno come me o uno della mia generazione”

next
Articolo Successivo

Rousseau si separa dal Movimento: “Non ha saldato i debiti, nostri dipendenti in cassa integrazione”. M5s: “Piattaforma non più neutrale, ne useremo un’altra”

next