L’ex guardia Ncaa della Kentucky University, Terrence Clarke, ha perso la vita ieri pomeriggio in un incidente d’auto a Los Angeles a soli 19anni. Il comunicato è arrivato direttamente dall’ateneo, che però non ha aggiunto alcun dettaglio sulla dinamica che ha portato alla morte della giovane promessa statunitense. Clarke aveva firmato da pochi giorni un contratto con l’agenzia Klutch Sports, gruppo che si occupa di campioni come LeBron James ed Anthony Davis.

L’allenatore John Calipari ha detto di essere distrutto prima di raccontare del suo giocatore: “Un ragazzo bellissimo, una persona che attirava l’attenzione del gruppo con la sua personalità, il suo sorriso e la sua gioia”. “Siamo tutti sotto shock”, ha detto Calipari.

Il sergente del dipartimento di polizia di Los Angeles John Matassa, che lavora nella Valley Traffic Division, ha detto a ESPN che Clarke era da solo alla guida del veicolo. Matassa ha spiegato che il ragazzo era passato con il rosso ad una velocità molto elevata mentre attraversava la San Fernando Valley, a Los Angeles, senza indossare la cintura di sicurezza. Dalle immagini di sorveglianza è stato possibile ricostruire la dinamica. Clarke, a causa dell’alta velocità si è scontrato con un altro veicolo che si preparava a svoltare a sinistra, ha colpito un palo della luce stradale e poi un muro. Il 19enne è stata portato al Northridge Hospital Medical dove però è stato possibile solo dichiararne il decesso. Nessuna ferita invece per il conducente dell’altro mezzo.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da LeBron James (@kingjames)

L’ultimo saluto al ragazzo è arrivato anche da Lebron James, che sul suo profilo ha dedicato un post a quello che era considerato una delle migliori promesse del basket Usa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“È successo”, storie dell’impossibile sportivo. Da Gimondi al Verona 1985, lo scudetto degli “scarti” antitesi della Superlega

next
Articolo Successivo

Fognini polemico: “Squalifica di Barcellona? Me l’hanno voluta far pagare. Voglio andare fino in fondo, questa storia non finisce qui”

next