Dopo il presidente della Repubblica, Frank-Walter Steinmeier, anche la cancelliera tedesca Angela Merkel si vaccinerà con AstraZeneca. Lo notizia viene rivelata dal quotidiano Die Welt sul proprio sito internet: in Germania Astrazeneca è sconsigliato sotto i 60 anni, Merkel ne compirà 67 il prossimo 17 luglio. Solo pochi giorni fa, il portavoce Steffen Seibert aveva annunciato che la cancelliera si sarebbe vaccinata a breve: la somministrazione della prima dose è prevista per domani, venerdì 16 aprile.

Ieri la Danimarca ha deciso di non utilizzare più AstraZeneca nella sua campagna di vaccinazioni contro il Covid a causa dei suoi “rari” ma comunque “gravi” effetti collaterali. E nonostante le posizioni espresse dall’Ema e dall’Oms a favore dell’utilizzo del composto anglo-svedese. Per il momento la Germania raccomanda di somministrare il vaccino Vaxzevria solo a chi ha più di 60 anni (come l’Italia), ma a differenza del nostro Paese ha deciso che gli oltre 2 milioni di under 60 che hanno già fatto la prima dose di AstraZeneca usino un altro vaccino per il richiamo.

La scelta della cancelliera è comunque un messaggio rivolto a chi tra i tedeschi dubita sulla sicurezza del vaccino. Prima di Merkel, il presidente Steinmeier aveva optato per la vaccinazione con AstraZeneca a inizio aprile, invitando tutta la popolazione ad aderire alla campagna. Anche il politico e medico della Spd, Karl Lauterbach, si è vaccinato con AstraZeneca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Brasile il Covid fa strage di bambini: almeno 852 vittime sotto i 9 anni in un anno. L’esperta: “Potrebbero essere più di 2mila”

next
Articolo Successivo

Svezia, 13mila morti e contagi alti. La gestione della pandemia? Ecco perché è andata meglio di molti Paesi Ue e molto peggio rispetto ai Nordici

next