L’ex Ilva è da oggi formalmente una società pubblico-privata. ArcelorMittal e Invitalia, società controllata dallo Stato italiano, hanno infatti perfezionato l’accordo di investimento in stand-by da mesi. Invitalia ha versato 400 milioni di euro nel capitale sociale di AmInvestco Italy, la società controllata dalla multinazionale dell’acciaio che aveva formalmente sottoscritto il contratto di affitto e acquisto dei rami d’azienda dell’Ilva. Si tratta del penultimo passo in vista di un ritorno del controllo statale del siderurgico di Taranto: l’intesa finale è prevista nel maggio 2022, ma restano da superare diversi ostacoli perché si verifichino le condizioni che porteranno Invitalia a un nuovo investimento per arrivare a detenere una quota di maggioranza.

Ad oggi, infatti, i 400 milioni investiti valgono una partecipazione al capitale sociale pari al 38% e diritti di voto pari al 50%. La nuova società a controllo congiunto avrà un nuovo nome, Acciaierie d’Italia Holding mentre ArcelorMittal Italia sarà rinominata Acciaierie d’Italia. Tra tredici mesi è previsto un secondo investimento – fino a 680 milioni – per finanziare il perfezionamento dell’acquisto dei rami d’azienda di Ilva. Invitalia salirebbe in questo modo al 60% nel capitale sociale, mentre ArcelorMittal, con altri 70 milioni, manterrebbe una partecipazione del 40 per cento.

Prima però ci sono da superare le numerose – e complicate – condizioni sospensive della seconda tranche di investimento. L’operazione potrà procedere solo se si verificheranno la modifica del piano ambientale per tenere conto delle modifiche del nuovo piano industriale e, soprattutto, la revoca di tutti i sequestri penali riguardanti lo stabilimento di Taranto. Non solo: l’accordo è anche subordinato all’assenza di misure restrittive – nell’ambito dei procedimenti penali in cui Ilva è imputata – nei confronti di Acciaierie d’Italia Holding o di sue società controllate. Nel caso in cui le condizioni sospensive non si verificassero, la newco nata oggi non sarebbe obbligata a perfezionare l’acquisto dei rami d’azienda di Ilva e il capitale in essi investito verrebbe restituito. E, ad oggi, non è affatto detto che tutte queste pre-condizioni al via libera finale si verifichino.

Il perfezionamento dell’accordo arriva dopo mesi di tira-e-molla e in giorni in cui ArcelorMittal è nella bufera mediatica e sindacale per il licenziamento di un dipendente, al quale è stato contestato di aver “offeso” l’azienda postando su Facebook l’invito a vedere la fiction Svegliati amore mio su Canale 5. L’atteggiamento della multinazionale è stato criticato non solo dai rappresentanti dei lavoratori, ma anche da parte del ministero del Lavoro. Andrea Orlando ha avuto un lungo colloquio telefonico con l’ad Lucia Morselli – che oggi si è presentata sulle tribune dello stadio Iacovone per seguire l’incontro di calcio di Serie D tra Taranto e Nardò – chiedendo di chiarire come si è arrivati al licenziamento.

Nelle scorse ore, ArcelorMittal è sembra propensa, di fronte alla dura reazione al licenziamento, a un ripensamento. Il dipendente è stato convocato dal direttore delle Risorse Umane per un colloquio nell’ottica di trovare una via d’uscita a una situazione che sta esasperando ulteriormente il clima in una fabbrica già stremata da quasi un decennio di incertezze e che negli ultimi due anni ha vissuto un nuovo tentativo di fuga da parte dei proprietari al quale ha fatto seguito un ricorso massiccio alla cassa integrazione Covid e una ripartenza degli impianti che, nonostante la richiesta di acciaio sia aumentata in Europa, stenta a vedere la luce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Alitalia, botta e risposta Bruxelles-Roma. Fonti Ue: “Attendiamo risposte”. Dall’Italia: “Risposto a 200 domande, spesso ripetitive”

next