L’emergenza sanitaria in carcere ha significato la sospensione di tutte le attività professionali, sportive e con i detenuti. Sono venuti meno i contatti con i familiari e soprattutto la scuola. Solo il 4% delle ore previste sono state erogate”. Sono le parole dell’osservatore nazionale dell’Associazione Antigone, Claudio Paterniti Martello, che si occupa dei diritti dei detenuti. “Secondo un nostro monitoraggio, a gennaio 2021 in un istituto su due la scuola era ripresa in presenza; nella parte restante la didattica a distanza veniva fatta solo in un caso su quattro. Sono emersi l’inadeguatezza delle infrastrutture tecnologiche e i problemi di spazi. Una diminuzione della popolazione detenuta permetterebbe quindi anche un maggiore accesso al diritto all’istruzione. Si è trattato di un anno durissimo e questo andrebbe riconosciuto dal parlamento con un provvedimento che preveda uno sconto di pena per chi ha passato quest’ultimo anno dietro alle sbarre. È stato un anno di vuoto che ha lasciato spazio all’angoscia e alla paura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Aggrediti perché gay, il video ci ha reso più forti. Omofobia e razzismo uguali, serve aggravante. Chi sta bloccando ddl Zan finge di non capire”

next
Articolo Successivo

Giornata della donazione di organi, l’appello di Brusaferro: ‘Altri problemi di salute oltre a Covid, in Italia 8500 in attesa di trapianto. Aderite’

next