Cosa accadde la notte del 10 aprile 1991, quando il traghetto Moby Prince, appena partito dal porto di Livorno e diretto a Olbia, dopo poche miglia finì contro una petroliera di Stato, la Agip Abruzzo? Quali sono le ultime novità sulla verità di quella notte? Cosa si è scoperto negli ultimi anni? Cosa resta da scoprire? Su cosa deve indagare la nuova commissione d’inchiesta in Parlamento? Cosa raccontano gli strani patti assicurativi tra le due compagnie navali? A trent’anni di distanza la strage del Moby Prince, in cui morirono 140 tra passeggeri e membri dell’equipaggio, resta ancora senza responsabili e le sue cause avvolte nel mistero. Ilfattoquotidiano.it, che segue da anni gli sviluppi delle nuove indagini, dedica una diretta video a questo che è stato il più grave incidente della marineria civile italiana in tempo di pace. Insieme al caporedattore de ilfattoquotidiano.it Diego Pretini intervengono lo scrittore e giornalista Francesco Sanna (collaboratore de ilfatto.it)e il perito forense Gabriele Bardazza, autori di Il caso Moby Prince-La strage impunita, pubblicato due anni fa da Chiarelettere ma ancora la base da cui ripartire per completare il percorso di verità.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, Rezza: “Spero che le nuove indicazioni per gli over 60 accelerino la vaccinazione agli anziani”

next
Articolo Successivo

Se vaccinazioni e zone rosse funzionassero bene, i ristoratori non scenderebbero in piazza

next