Un 25enne di Seregno, in provincia di Monza, ha organizzato lunedì scorso una grigliata con quindici amici nonostante sapesse di essere positivo al Covid. Il giovane non ha detto a nessuno di essersi sottoposto a tampone e tantomeno che questo avesse avuto esito positivo, mettendo così a rischio tutti gli amici. La festa abusiva, organizzata in una villa del centro città, è stata poi sgomberata dai carabinieri, allertati da una segnalazione.

Le forze dell’ordine hanno identificato e multato nove giovani tra i 20 e i 25 anni provenienti da Seregno, Meda, Giussano e Lissone, contestando loro la mancanza delle autocertificazioni e delle misure di prevenzione del contagio. Dopo diverse ore sono state identificate e sanzionate altre otto persone, che si erano nascoste nell’abitazione.

Il 25enne padrone di casa è stato denunciato per violazione della legge per la tutela della salute pubblica che, modificata lo scorso anno, prevede l’arresto da 3 a 18 mesi e l’ammenda da 500 a 5000 euro. Nel caso in cui alcuni degli invitati nei prossimi giorni dovessero risultare positivi al Covid si potrebbe profilare per il giovane il reato di epidemia colposa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili