Donald Trump tradito da Twitter e dalla Coca Cola. L’ex inquilino della Casa Bianca ha avviato una battaglia contro le grandi corporation che hanno condannato l’approvazione in Georgia della legge elettorale considerata discriminatoria verso le minoranze.

“Boicottate tutte le woke companies che non vogliono l’identificazione degli elettori e le elezioni libere ed eque”, ha dichiarato l’ex presidente con un attacco frontale a gruppi come Coca Cola e Delta Air Lines, che hanno i loro quartieri generali ad Atlanta, e, anche spinti da minacce di boicottaggi di senso opposto, nei giorni scorsi hanno criticato l’approvazione della legge.

A tradire il tycoon americano nella sua ultima battaglia è stata una foto caricata su Twitter dal suo ex consigliere Stephen Miller. Mentre Trump in questi giorni ha chiesto ai suoi sostenitori di boicottare la bevanda gassata, dietro le quinte l’ex presidente degli Stati Uniti non ha rinunciato a consumare la bibita.

Miller ha fatto visita all’ex presidente nel suo nuovo ufficio a Mar-a-Lago e nello scatto caricato sui social Trump appare sorridente dietro la sua scrivania e, anche se nascosta, è impossibile non notare dietro un telefono l’inconfondibile forma della classica bottiglia di Diet Coke. L’immagine ha scatenato i social, dove molti utenti hanno commentato la foto con commenti ironici: “Sembra che il boicottaggio della Coca Cola non sia ancora iniziato ufficialmente a Mar-a Lago”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Patrick Zaki, altri 45 giorni di carcere in Egitto. Respinta la richiesta della difesa sul cambio dei giudici

next
Articolo Successivo

Colloqui a Vienna sul nucleare iraniano, Usa favorevoli a stoppare le sanzioni di Trump. Teheran: “Pronti a fermare le centrifughe”

next