Era stata la prima a chiedere ai dipendenti di lavorare da casa per la pandemia. Adesso accelera per farli tornare in ufficio. Google ha invitato il suo personale a lavorare in presenza dopo le festività pasquali, anche se a capacità “limitata”. Un approccio diverso da quello di altri giganti digitali come Facebook e Twitter, che da tempo hanno annunciato la fine dell’obbligatorietà del lavoro in presenza: chi vorrà potrà farlo da casa per sempre. Il cambiamento è immediato e anticipa un rientro più massiccio a fine estate. Se i dipendenti vorranno lavorare a distanza dopo il 1 settembre per più di 14 giorni all’anno, infatti, dovranno formalmente fare domanda. Possono richiedere fino a 12 mesi di smart working solo in “circostanze più eccezionali”.

L’azienda potrebbe in ogni caso richiamare i dipendenti al loro ufficio assegnato in qualsiasi momento. L’azienda di Mountain View non ha abbandonato del tutto, comunque, i piani per lavorare da remoto. Anzi sta ora stabilendo nuove linee guida per il lavoro a distanza. Anche se il piano è riportare i dipendenti in ufficio prima dell’estate in vista di un’ampia riapertura a settembre, quando i lavoratori dovranno presentarsi di persona a lavoro per tre giorni a settimana. Del resto solo il mese scorso Sundar Pichai, ceo di Google e di Alphabet, aveva annunciato l’investimento per il 2021 di 7 miliardi di dollari in uffici e data center. “È passato un anno da quando molti di noi hanno lavorato da casa, e il pensiero di tornare in ufficio potrebbe ispirare emozioni diverse”, ha scritto Fiona Cicconi, il nuovo capo delle operazioni del personale di Google, in una e-mail aziendale visionata da CNBC. Cicconi ha consigliato ai dipendenti di vaccinarsi contro il Covid-19, sottolineando però che non è obbligatorio.

Una volta che gli uffici riapriranno completamente a settembre, il gigante dei motori di ricerca concederà ai lavoratori di lavorare a distanza più di 14 giorni all’anno solo su esplicita richiesta. Google potrà comunque richiamare i dipendenti all’ufficio assegnato in qualsiasi momento.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider caduto mentre lavorava, è in coma. La fidanzata: “Niente pratica di infortunio: Deliveroo chiede un codice che sa solo lui”

next
Articolo Successivo

La Texprint di Prato licenzia 18 lavoratori che hanno scioperato per il rispetto del contratto

next