Era stata la prima a chiedere ai dipendenti di lavorare da casa per la pandemia. Adesso accelera per farli tornare in ufficio. Google ha invitato il suo personale a lavorare in presenza dopo le festività pasquali, anche se a capacità “limitata”. Un approccio diverso da quello di altri giganti digitali come Facebook e Twitter, che da tempo hanno annunciato la fine dell’obbligatorietà del lavoro in presenza: chi vorrà potrà farlo da casa per sempre. Il cambiamento è immediato e anticipa un rientro più massiccio a fine estate. Se i dipendenti vorranno lavorare a distanza dopo il 1 settembre per più di 14 giorni all’anno, infatti, dovranno formalmente fare domanda. Possono richiedere fino a 12 mesi di smart working solo in “circostanze più eccezionali”.

L’azienda potrebbe in ogni caso richiamare i dipendenti al loro ufficio assegnato in qualsiasi momento. L’azienda di Mountain View non ha abbandonato del tutto, comunque, i piani per lavorare da remoto. Anzi sta ora stabilendo nuove linee guida per il lavoro a distanza. Anche se il piano è riportare i dipendenti in ufficio prima dell’estate in vista di un’ampia riapertura a settembre, quando i lavoratori dovranno presentarsi di persona a lavoro per tre giorni a settimana. Del resto solo il mese scorso Sundar Pichai, ceo di Google e di Alphabet, aveva annunciato l’investimento per il 2021 di 7 miliardi di dollari in uffici e data center. “È passato un anno da quando molti di noi hanno lavorato da casa, e il pensiero di tornare in ufficio potrebbe ispirare emozioni diverse”, ha scritto Fiona Cicconi, il nuovo capo delle operazioni del personale di Google, in una e-mail aziendale visionata da CNBC. Cicconi ha consigliato ai dipendenti di vaccinarsi contro il Covid-19, sottolineando però che non è obbligatorio.

Una volta che gli uffici riapriranno completamente a settembre, il gigante dei motori di ricerca concederà ai lavoratori di lavorare a distanza più di 14 giorni all’anno solo su esplicita richiesta. Google potrà comunque richiamare i dipendenti all’ufficio assegnato in qualsiasi momento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rider caduto mentre lavorava, è in coma. La fidanzata: “Niente pratica di infortunio: Deliveroo chiede un codice che sa solo lui”

next
Articolo Successivo

La Texprint di Prato licenzia 18 lavoratori che hanno scioperato per il rispetto del contratto

next