“La cessione di documentazione classificata da parte di un ufficiale italiano a un ufficiale delle Forze Armate russe di stanza in Italia è un atto ostile di estrema gravità” per il quale “abbiamo assunto immediatamente i provvedimenti necessari”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi di Maio, durante una comunicazione al Senato, commentando il caso dell’ufficiale di Marina scoperto mentre vendeva documenti classificati Nato a un ufficiale russo. “Su mie istruzioni – ha aggiunto Di Maio – il segretario generale Belloni ha convocato al ministero questa mattina l’Ambasciatore della Federazione Russa Razov per trasmettere con forza la nostra ferma protesta e notificare l’espulsione di due funzionari russi accreditati presso l’ambasciata a Roma

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Benedetti e Sallusti concordi nel lodare Draghi e criticare Conte. Floris: “Fa colpo vedere che abbiate le stesse posizioni”

next
Articolo Successivo

M5s, sul limite dei due mandati si gioca la lotta per il potere. E chi cede è perduto

next