Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, durante un convegno riguardante il cambiamento climatico organizzato dall’Ambasciata britannica in preparazione del summit delle Nazioni Unite, COP26, ha spiegato le linee guida dell’agenza del suo ministero: “Stiamo per lanciare una imponente azione da 70 – 80 miliardi legata al Recovery fund. La nostra transizione ecologica si articolerà su massicce operazioni relative al ciclo dell’acqua, al suolo e all’autosufficienza energetica dell’agricoltura. Nel settore energetico dovremo seguire la road map europea e installare decine di gigawatt di potenza di natura rinnovabile e investire molto su tecnologie connesse all’idrogeno. Dobbiamo gettare le basi per una società che evolva verso la decarbonizzazione dell’energia secondaria e primaria, un intervento di elettrificazione della mobilità, un massiccio intervento di forestazione e protezione dell’oro blu, l’acqua, e dei nostri bacini idrici. Ci attende un’agenda complessa ma non siamo soli: abbiamo il piacere con gli amici del Regno unito di coordinare la Cop 26, nonché abbiamo anche la presidenza del G20. Da queste posizioni possiamo ben lanciare un messaggio internazionale. Come cittadini e popoli di un unico continente che da solo è responsabile della produzione di circa il 10% dell’anidride carbonica globale – conclude Cingolani – dobbiamo fare lo sforzo di decarbonizzarci il prima possibile e condividere questo sforzo con tutti gli altri Paesi. Utilizziamo la forza dei nostri partenariati in ambito internazionale per rendere questo messaggio chiaro a tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvini minaccia di nuovo il governo: “Bisogna riaprire tutto in sicurezza dopo Pasqua”

next
Articolo Successivo

Letta risponde a Salvini (senza citarlo): “Riaperture? No polemiche, non generare aspettative che poi finiscono frustrate”

next