“Starei attento a fare questi contratti” su Sputnik “perché ieri la presidente della Commissione europea ha messo in luce come, da un’indagine fatta dalla Commissione, loro possano produrre massimo 55 milioni di dosi, di cui il 40% in Russia e il resto in vari siti internazionali” e soprattutto “non è stata ancora presentata formale domanda all’Ema”. Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa, rispondendo a una domanda sul vaccino russo e dopo la decisione del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, di stipulare un contratto con il fondo russo per acquistare dosi quando l’Ema darà via libera. “È comunque un vaccino in due dosi, a differenza di Johnson&Johnson e se va bene il vaccino sarebbe disponibile nella seconda parte dell’anno”, ha aggiunto Draghi passando poi la parola al ministro della Salute, Roberto Speranza, presente in conferenza stampa. Il titolare del ministero della Salute ha quindi aggiunto: “Aspettiamo che Ema svolga il suo processo autorizzatorio e che Aifa faccia la stessa cosa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi replica a Salvini: “Chiusure sono pensabili o impensabili solo in base ai dati dei contagi. Le misure non sono campate per aria”

next