Sorgerà a Milano nelle prossime settimane Necesse: un progetto grafico di street art che occuperà una parete di 1300 metri quadrati in via Ludovico di Breme (zona Certosa), sulla quale saranno rappresentati i mestieri che sono stati in prima linea per tutto il 2020. Settanta metri di lunghezza per diciassette di altezza in cui sarà dato spazio a sanitari, braccianti agricoli e commessi dei supermercati. “Sono tutti lavori che erano importanti anche prima della pandemia”, spiega a ilfattoquotidiano.it l’artista SMOE, “e ci siamo resi conto di loro solo durante l’emergenza”. “E non ci siamo fermati a questo, abbiamo immaginato un bambino che disegna delle case in un momento storico in cui i bambini non escono più di casa”.

Il progetto è stato condiviso da Fondazione di Comunità Milano Onlus che ha costituito il Fondo Solidale Necesse, finalizzato a raccogliere il sostegno dei cittadini e delle imprese interessati a valorizzare il proprio territorio con un’opera che renda omaggio alla capacità dell’uomo di resistere all’emergenza attraverso l’arte. “Non abbiamo mai nominato il Covid, il nostro è un lavoro che vuole essere rappresentativo di quello che ci sarà dopo e c’è stato prima – continua SMOE – Il nostro è un progetto artistico, e di riqualificazione urbana. Non siamo neanche in scia rispetto alle grandi capitali europee, però anche a Milano la street art comincia a diventare uno strumento utilizzato per migliore alcune aree”. Sono diversi i frame che si succedono per la parete, racconta il writer, dall’infermiera che indossa la mascherina fino ai braccianti messi a norma solo in tempi di pandemia per permettere a tutti di poter usufruire dei prodotti agricoli.

NECESSE è un progetto che nasce dall’idea di un artista accolta dal Comitato Petrarca e resa possibile grazie all’intervento di IOLO Creative. “Abbiamo cominciato l’8 marzo di quest’anno, e casualmente ci siamo resi conto che eravamo ad un anno dalla chiusura del Paese – racconta – prevediamo di finire per aprile e di restituire uno spazio migliore alla città”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, Iss: “Nelle case di riposo e nelle strutture residenziali si vedono i primi effetti della vaccinazione su nuovi casi e decessi”

next
Articolo Successivo

Covid, l’appello del medico di base di Roma: “Noi siamo pronti, ma mancano i vaccini. Un collega in fila per due ore per l’ultima dose Pfizer”

next