Ha investito il fratello con la macchina e gli è passato sul corpo più volte per poi scappare. È successo a Mongrassano, in provincia di Cosenza. L’uomo, Giuseppe Marino, 45 anni, ha tolto la vita al fratello Pasquale, 47 anni, con cui secondo le prime informazioni aveva continui litigi. La vittima dell’investimento volontario è morta sul colpo. Ad assistere alla scena alcuni passanti che hanno allertato i carabinieri.

I carabinieri della Compagnia di San Marco Argentano che indagano sull’omicidio hanno rintracciato la vettura, una Bmw, mentre l’uomo stava andando a costituirsi. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario aggravato. Il movente sarebbe da rintracciare in continui litigi tra i due, che coinvolgerebbero anche la figlia del presunto assassino.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Benno Neumair, il verbale della confessione del duplice omicidio: “Papà mi rinfacciava che non valessi niente, così l’ho zittito”

next
Articolo Successivo

Faenza, omicidio di Ilenia Fabbri: “Già altre due volte avevano tentato di ucciderla”

next