“Ho parlato con la ragazza e la società, speriamo di chiudere quanto prima questa vicenda. Da domani la commissione comincerà già a lavorare su questo problema. Faremo tutto il possibile affinché queste situazioni non si ripetano”, così il neo-presidente della Fipav, Giuseppe Manfredi, dopo quanto successo all’atleta Lara Lugli, la pallavolista rimasta incinta e citata in giudizio dal suo ex club dopo aver chiesto i soldi per uno stipendio arretrato, perché ha taciuto al momento dell’ingaggio “la propria intenzione di avere figli”. “Non possiamo fare noi i contratti con gli atleti ma potremo dare regole particolari – ha continuato Manfredi – Intanto siamo partiti ed è la cosa più importante. I 3/4 degli atleti della pallavolo sono ragazze, abbiamo il dovere di farle stare tranquille. Un tempistica? Un mese o due”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alfonsina Strada, 130 anni fa nasceva la prima donna a correre il Giro d’Italia: “Gareggiava per pagare il manicomio del marito”

next