Gli imprenditori lombardi della ristorazione e dei pubblici esercizi scendono nuovamente in piazza. Un gruppo di circa 30 ristoratori si sono dati appuntamento sotto la sede di Regione Lombardia a Milano. “Protestiamo”, spiega Alfredo Zini, portavoce dei ristoratori, “perché sono settimane che non abbiamo risposte per il nostro settore, servono riforme strutturali e sostegni economici“. “Ci sentiamo abbandonati dalla politica, anche dal centrodestra che ci ha sempre sostenuto”, dice Matteo, un ristoratore milanese, che cita Matteo Salvini e la Lega. “Il nuovo governo non ci rassicura”, continua, “almeno fino a ieri le opposizioni rappresentavano le nostre istanze ora ci sentiamo abbandonati dalla politica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pfizer delocalizza in Romania e licenzia il 15% dei dipendenti belgi che hanno prodotto il vaccino. Sindacati: “Uno schiaffo ai lavoratori”

next
Articolo Successivo

L’esercito dei (non)giovani emergenti: l’avanzata di un sottobosco di autori confinati in una terra di nessuno

next