“Zona rossa rafforzata” a Castellammare di Stabia, Gragnano e Santa Maria la Carità, in provincia di Napoli. Mentre la Campania si appresta a diventare “rossa”, da ieri 6 marzo nei tre comuni sono in vigore nuove regole più restrittive: il coprifuoco è anticipato per tutti alle 20 mentre i giovani dai 14 ai 24 anni non potranno circolare già a partire dalle 18. “Non vogliamo puntare il dito contro i giovani ma è necessario prendere provvedimenti. I dati provenienti dall’Asl parlano chiaro: nell’ultimo periodo vi è stato un grande aumento dei contagi tra ragazzi under 24” spiega Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia. Inoltre chiusi anche la villa comunale e gli arenili. A Santa Maria la Carità vietato sostare nella piazza principale a partire dalle 8 di mattina. “Un atto necessario per evitare assembramenti” commenta Giosuè D’Amora, sindaco della città. Non mancano i malumori tra i giovani, che non si riconoscono come colpevoli e considerano fuori luogo queste decisioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’emergenza continua, fatica e stanchezza di sentono. Non abbassare la guardia”: l’appello dell’equipe di Terapia intensiva di Piacenza

next
Articolo Successivo

Sciopero dei trasporti in Lombardia: dalle 21 di stasera fino alle 21 di domani si fermano Trenord e i mezzi Atm

next