“Non è la crisi del Pd, è la crisi di Piazza Grande e di un’idea di politica che include invece che rinchiudersi. Non abbiamo mai lesinato critiche a Zingaretti e al Partito Democratico, pur nella lealtà di chi intende costruire e mettersi al servizio di un processo. Ma non si può lasciare un lavoro a metà, non ce lo possiamo permettere”. Questo lo spirito con cui un gruppo di rappresentanti delle Sardine, capitanato da Mattia Santori e Jasmine Cristallo, si è presentato davanti al Nazareno con i sacchi a pelo, per una simbolica occupazione della sede del Pd: “Siamo stanchi della politica fatta dagli schermi – ha detto Santori -. Siamo venuti a metterci la faccia, noi facciamo parte del campo progressista, qui c’è una sede politica e chiediamo che si apra una fase costituente per tutte le persone che aspettano da anni di aprire una nuova fase per partecipare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rispunta la “task force” ma questa volta a pagamento. Per il Recovery Draghi si affida alla McKinsey, al centro di numerose critiche

next
Articolo Successivo

M5s, ok Conte come capo politico ma attenzione alla troppa rigidità

next