La “quarta mafia” è la definizione mediatica dei clan foggiani, una criminalità emergente che coniuga arcaicità e modernità, localismo e globalizzazione. Una organizzazione rimasta a lungo invisibile rispetto a quelle tradizionali, solo perché poco raccontata e conosciuta. Capace, però, al pari della mafia siciliana, della camorra e della ‘ndrangheta di irradiarsi in tutto il Paese e di sgretolare la sicurezza pubblica anche in territori lontani dalla sua zona di origine.

La Società foggiana, la mafia garganica e la mafia cerignolana sono raccontate come non è stato mai fatto, attraverso quarant’anni di vicende di sangue tratte da fonti giudiziarie e da documenti investigativi. Contrabbando, narcotraffico, estorsioni, centinaia di omicidi commessi con ferocia brutale.

Nel tempo, la “quarta mafia” ha saputo fare il salto di qualità, trasformarsi in una mafia moderna, in grado di permeare l’economia e la vita pubblica delle comunità assoggettate. È penetrata così dentro imprese sane, ha imposto i propri obiettivi ad amministratori conniventi ed ha cambiato per sempre le regole del gioco.

Negli ultimi anni, lo scioglimento per mafia dei comuni di Monte Sant’Angelo, Mattinata, Manfredonia, Cerignola, e l’improvviso aumento della violenza omicida, hanno lasciato intravedere ad un pubblico più ampio alcuni frammenti di un disastro civile.

Questo libro contribuisce a disvelare l’origine, l’evoluzione e gli assetti attuali di un fenomeno criminale complesso e pericoloso.

Questo è un libro prezioso – scrive don Luigi Ciotti nella sua prefazione – , come tutti gli scritti che affrontano un tema ancora inesplorato. Sebbene infatti da oltre vent’anni le evidenze giudiziarie abbiano confermato la natura mafiosa dei sodalizi criminali foggiani, ad oggi non esistevano lavori organici che aiutassero a comprendere l’evoluzione e le peculiarità di questa organizzazione”.

Antonio Laronga, in magistratura dal 1993, è procuratore aggiunto di Foggia. Da oltre vent’anni si occupa di criminalità organizzata e delle mafie foggiane. È autore di saggi e pubblicazioni scientifiche in materia di diritto penale e processuale. È stato condirettore della rivista “La corte d’assise”.

Quarta mafia. La criminalità organizzata foggiana nel racconto di un magistrato sul fronte
di Antonio Laronga, con prefazione di Luigi Ciotti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Le mani di Cosa nostra sulle scommesse online”: 339 indagati a Catania. “Il know how del sistema al nipote di Messina Denaro”

next
Articolo Successivo

Camorra, ergastolo per i killer di Nocerino: l’omicidio da “western metropolitano” che spaccò gli equilibri tra i clan di Napoli

next