Il governo inserirà “nel primo documento in uscita”, probabilmente il Dpcm atteso nelle prossime ore, la riedizione dei congedi parentali retribuiti per chi ha figli in quarantena causa Covid. E il provvedimento sarà retroattivo. Ad annunciarlo, parlando a Sky tg 24, è stata la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, dopo che nei giorni scorsi il problema è emerso in tutte le città d’Italia in cui le scuole stanno chiudendo causa incremento dei contagi. Il decreto precedente è scaduto a fine dicembre e in questo momento chi si trova in questa situazione può solo prendere ferie o permessi non retribuiti.

“Le famiglie devono sapere che siamo già al lavoro per reintrodurre strumenti come i congedi parentali retribuiti e estesi per età, anche per figli con più di 14 anni“, ha detto Bonetti. “Poi c’è lo smart working per i genitori, ormai come diritto, e altre situazioni particolari come quelle rappresentate dai genitori attivi con partita Iva. Il governo è pronto ma servono indicazioni sui colori delle regioni e per le chiusure”. Tutti questi provvedimenti – ha aggiunto – “saranno inseriti nel primo documento in uscita e avranno modalità reotroattiva, con lo stesso schema della prima fase delle chiusure. Su questo il Mef sta lavorando e non abbiamo al momento una data precisa” per l’entrata in vigore delle norme.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, la mappa delle chiusure: in attesa del nuovo Dpcm uno studente su tre già torna alla didattica a distanza

next
Articolo Successivo

Invalsi, dopo un anno di stop prove al via in quinta superiore: l’obiettivo è misurare il gap educativo dovuto alla pandemia. Il calendario

next