Il partito di opposizione tedesco Die Linke, La Sinistra, per la sua leadership ha scelto due donne: Janine Wissler, 39 anni, esponente del partito nel Land dell’Assia e Susanne Hennig-Wellsow, 43, esponente del partito in Turingia. Le due candidate hanno ricevuto oggi, 27 febbraio, la maggioranza dei voti dei 600 delegati che hanno preso parte al congresso online e sono in lizza per il voto generale del 26 settembre, che per la prima volta dal 2005 non vedrà in corsa l’attuale cancelliera Angela Merkel.

Il tandem che ha guidato il movimento per 9 anni, formato da Katja Kipping e Bernd Riexinger, dunque non si è ripresentato. La Hennig-Wellsow nel suo intervento a Berlino ha sottolineato la necessità di assumersi responsabilità di governo a livello nazionale: “Non aspettiamo più, la gente non ha più tempo per aspettarci”, ha detto. Il tema della possibile partecipazione ad un eventuale esecutivo federale – con Spd e Verdi, qualora ci fossero i numeri – è controverso e non trova d’accordo quanti non intenderebbero vedere scendere il partito a compromessi in materia – tra l’altro – di politica estera e di sicurezza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Groenlandia, la miniera aperta fa cadere il governo. La lotta degli Inuit per la cava tra le più ricche al mondo di uranio e terre rare

next
Articolo Successivo

Le mani di Pechino su Israele: i miliardi investiti nel porto di Haifa e l’ispezione negata agli Usa. Il nuovo fronte di rivalità con Washington

next