L’anno scorso Microsoft aveva annunciato l’introduzione della tecnologia di previsione del testo nel suo programma di scrittura Word, parte della suite di produttività Office, attivando questa funzionalità per il 50% degli utenti del canale beta. Ora sembra che Microsoft sia pronta a rendere la funzionalità disponibile a tutti. Secondo una versione recente della roadmap di Microsoft 365, le previsioni del testo verranno dislocheranno agli utenti di Microsoft Word a marzo. Microsoft nota che la funzionalità aiuterà “gli utenti a scrivere in modo più efficiente prevedendo il testo in modo rapido, tempestivo e accurato”.

La funzionalità si basa su un modello di Machine Learning per creare suggerimenti in base al testo digitato dall’utente. Una volta implementate, gli utenti di Word vedranno previsioni disattivate che possono essere accettate premendo il tasto “TAB” o rifiutate premendo ESC. Nel corso del tempo, queste previsioni miglioreranno in base allo stile di scrittura dell’utente. In ogni caso, se non si è interessati a utilizzare le previsioni, sarà possibile disattivarle completamente.

Foto: Depositphotos

Microsoft ha infine sottolineato che nessun dato uscirà dei limiti del proprietario, e nessun essere umano lo vedrà a meno che “non venga donato come parte del meccanismo di feedback”. Gli utenti di Word possono passare alla Guida > Commenti e suggerimenti per inviare eventuali reclami o suggerimenti a Microsoft. All’inizio di questo mese, Microsoft ha anche iniziato a implementare il supporto per la previsione del testo per gli utenti di Outlook.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Xiaomi Redmi Note 9s, smartphone in offerta su Amazon con sconto del 26%

next
Articolo Successivo

MSI Optix MAG274QRF-QD recensione. Il monitor da gaming che piace anche ai professionisti dell’immagine

next