Sarà la magistratura ordinaria ad occuparsi del processo per l’omicidio di Emanuele Scieri, il parà ucciso a Pisa il 13 settembre 1999. È la decisione della I sezione penale della Cassazione che ha così risolto il conflitto di giurisdizione insorto tra il giudice per le indagini preliminari del Tribunale militare di Roma e il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pisa.

La Corte ha dichiarato la giurisdizione del giudice ordinario, disponendo la trasmissione a Pisa. Il prossimo 29 marzo è prevista la ripresa dell’udienza preliminare del procedimento per la morte del giovane parà siracusano morto nella caserma “Gamerra” della città toscana. Una vicenda per la quale sono indagati per omicidio volontario con l’aggravante dei futili motivi i tre ex caporali della Folgore Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico e i due ex ufficiali, accusati di favoreggiamento, Enrico Celentano, all’epoca dei fatti comandante dei paracadutisti, e Salvatore Romondia.

Per gli stessi fatti è in corso l’udienza preliminare anche presso il gup del Tribunale militare di Roma. Il reato contestato dal procuratore generale militare Marco De Paolis ai soli Panella, Zabara e Antico è quello di “Violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato, in concorso”. Inevitabile il conflitto di giurisdizione tra i due uffici giudiziari.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcioscommesse, Beppe Signori assolto: “Dopo 10 anni è finita. Vittoria nettissima”

next
Articolo Successivo

Calabria, il presidente di seggio: “Il consigliere Pd mi disse: se qualcuno è senza documento, fallo votare che deve dare il voto a me”

next