Beppe Signori non truccò la partita tra Piacenza e Padova del 2 ottobre del 2010 finita 2 a 2. Lo ha deciso il tribunale di Piacenza assolvendo con formula piena l’ex attaccante di Foggia, Lazio e Bologna. Imputato in uno dei filoni dell’inchiesta sul calcioscommesse aperta all’inizio dalla procura di Cremona, Signori è stato assolto perché il fatto non sussiste. L’ex attaccante aveva rinunciato alla prescrizione, contrariamente a quanto aveva deciso di fare nel procedimento principale di Cremona chiuso nel dicembre scorso.

Vittoria nettissima senza se e senza ma! Assolto con formula piena perché il fatto non sussiste, art. 530 co. 1 C. P. (Non per insufficienza di prove)!”, ha commentato l’ex attaccante della Nazionale, che oggi ha 53 anni, sulla sua pagina Instagram. Nel 2011 Signori era stato arrestato e aveva trascorso due settimane ai domiciliari. Era accusato di aver aggiustato il risultato della partita Piacenza-Padova, grazie ai contatti con un gruppo criminale dedito alla combine delle partite: li chiamavano “quelli di Singapore”.

Dopo 10 anni è finita, anche se io e il mio avvocato non avevamo mai avuto dubbi sulla mia innocenza”, ha spiegato l’ex calciatore – che per tre volte ha vinto la classifica dei marcatori della serie A – al sito del quotidiano piacentino Libertà. “In qualche modo vengo ripagato, giustizia parziale è stata fatta, perché comunque questi anni non me li restituirà più nessuno, è una rivincita e speriamo che sia la prima di una lunga serie”, ha aggiunto all’uscita del tribunale accompagnato dal suo avvocato Patrizia Brandi. Radiato dalla giustizia sportiva, ora Signori spera di essere reintegrato nell’ambiente sportivo. “Io ho fatto tutto questo per essere riabilitato a livello sportivo. E’ una prima vittoria, spero che ne arrivino altre”, ha concluso l’ex numero 11 del Foggia di Zeman.

Signori figurava anche tra gli imputati che la procura di Cremona accusava di essere promotori e organizzatori dell’associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva. Il 15 dicembre scorso il tribunale, su richiesta della procura, ha emesso sentenza di non doversi procedere perché il reato si era estinto per maturata prescrizione. Oltre a Signori erano imputai l’ex calciatore serbo Almir Gegic, l’ex capitano del Bari Antonio Bellavista, Marco Paoloni, ex portiere della Cremonese e poi del Benevento. In quel caso Signori non aveva rinunciato alla prescrizione e la sua legale aveva spiegato: “Rinunciare alla prescrizione per continuare il processo noi soli sarebbe una pazzia. Quanto andremmo ancora avanti? Due, tre anni?”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciro Migliore arrestato per spaccio: era il fidanzato di Maria Paola Gaglione, morta dopo essere stata speronata in scooter dal fratello

next
Articolo Successivo

Emanuele Scieri, la Cassazione sulla giurisdizione: “Deciderà la magistratura ordinaria”

next