Egidio Battaglia, 43 anni, ha ucciso il proprio figlio, di due anni, e si è poi suicidato tagliandosi la gola con un coltello da cucina. È successo a Castello di Godego, nel Trevigiano. A trovare i corpi è stato il nonno, che ha chiamato i carabinieri. La madre del piccolo in quel momento era fuori casa per lavoro. Sul posto è arrivata anche la pm Mara De Donà.

L’omicidio-suicidio si è consumato nel bagno di casa, un appartamento al primo piano di una palazzina di tre dove il 43enne viveva assieme alla moglie, di origine romena. L’uomo ha lasciato una lettera di un paio di pagine in cui spiega i motivi del gesto che, secondo quanto si è appreso, sarebbero da ricondurre allo stato di salute del figlio. Il nonno attendeva il figlio e il nipote per pranzo e quando non li ha visti arrivare è andato a casa loro, poco distante. Sul corpo del piccolo non c’erano segni di violenza.

Il matrimonio, hanno riferito amici e parenti della coppia, non era in crisi, si trattava di una famiglia unita. L’uomo lavorava in un’azienda di macchine impastatrici, la moglie era impiegata in una cooperativa trevigiana che presta servizi per gli ospedali. Non ci sarebbero stati problemi economici; il pensiero che assillava il padre era per il figlio, affetto da un grave problema di salute, per il quale i medici non avevano potuto dare speranze di guarigione.

(immagine d’archivio)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, 69enne uccisa da trenta coltellate nel suo negozio: l’ex compagno ha confessato. Il commesso: “Si era già pagata il funerale”

next