Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è pronto ad annunciare che gli Stati Uniti investiranno 4 miliardi di dollari per uno sforzo internazionale per rafforzare l’acquisto e la distribuzione del vaccino Covid alle nazioni povere. L’occasione è la seduta, in videoconferenza, del summit del G7, il suo primo impegno ufficiale internazionale da quando ha assunto la guida dell’Amministrazione Usa a gennaio. Questo è ciò che trapela da alcuni funzionari della Casa Bianca. La lotta al coronavirus, insieme poi a quella ai cambiamenti climatici, sono i temi centrali di questo G7: saranno presenti la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron, la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, il Segretario generale della Nato Jens Stoltenberg e il primo ministro britannico Boris Johnson. Un’ora dopo interverrà alla Conferenza di Monaco sulla sicurezza, che si svolge ogni anno per affrontare le sfide alla sicurezza internazionale.

Sempre stando alle indiscrezioni, nel corso del summit Biden incoraggerà anche gli altri sei leader mondiali a mantenere gli impegni presi con Covax, un’iniziativa dell’Organizzazione mondiale della sanità per migliorare l’accesso ai vaccini. L’ex presidente Donald Trump aveva rifiutato di partecipare all’iniziativa Covax a causa dei suoi legami con l’Oms, l’agenzia con sede a Ginevra che ha accusato di aver nascosto i passi falsi della Cina nella gestione del virus all’inizio della crisi della sanità pubblica. Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’Oms, ma Biden si è mosso rapidamente dopo la sua inaugurazione il mese scorso per rientrare e ha confermato che gli Stati Uniti avrebbero contribuito a Covax.

I 4 miliardi di dollari di finanziamenti statunitensi sono stati approvati dal Congresso a dicembre e saranno distribuiti fino al 2022. Gli Stati Uniti si sono impegnati a lavorare attraverso Covax per garantire “un’equa distribuzione di vaccini e finanziamenti a livello globale”, ha detto giovedì scorso l’addetto stampa della Casa Bianca, Jen Psaki. Resta da vedere come gli alleati del G7 accoglieranno gli appelli di Biden per una maggiore cooperazione internazionale sulla distribuzione di vaccini, dato che gli Stati Uniti si sono rifiutati di prendere parte all’iniziativa sotto Trump e che ci sono crescenti richieste all’amministrazione Biden di distribuire alcuni prodotti di fabbricazione statunitense. Il presidente francese Emmanuel Macron, in un’intervista con il ‘Financial Times’, ha invitato gli Stati Uniti e le nazioni europee a stanziare fino al 5% delle attuali forniture di vaccini ai Paesi in via di sviluppo, il tipo di diplomazia sui vaccini che Cina e Russia hanno iniziato a dispiegare. E all’inizio di questa settimana, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha criticato aspramente la distribuzione “selvaggiamente irregolare e ingiusta” dei vaccini contro il Covid-19, notando che 10 paesi hanno somministrato il 75% di tutte le vaccinazioni.

Il mese scorso, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha anche sollevato con Biden la prospettiva che il Canada ottenga il vaccino dalla struttura del gigante farmaceutico Pfizer a Kalamazoo, Michigan, secondo un alto funzionario del governo canadese, che ha parlato con The Associated Press a condizione di anonimato per descrivere un conversazione privata. Il Canada ha ricevuto tutte le sue dosi Pfizer da una struttura aziendale a Puurs, in Belgio, e ha subito interruzioni nella fornitura. Ma Biden, che ha annunciato la scorsa settimana che gli Stati Uniti avranno abbastanza scorte di vaccino entro la fine dell’estate per inoculare 300 milioni di persone, per ora rimane concentrato sull’assicurarsi che ogni americano venga inoculato, dicono i funzionari dell’amministrazione. Il presidente, nel suo primo memorandum sulla sicurezza nazionale il mese scorso, ha chiesto alla sua amministrazione di sviluppare un quadro per donare i vaccini in eccesso una volta che ci sarà una fornitura sufficiente negli Stati Uniti.

Il programma Covax ha già mancato il proprio obiettivo di iniziare le vaccinazioni contro il coronavirus nei paesi poveri nello stesso momento in cui sono stati lanciati i colpi nei paesi ricchi. L’Oms afferma che Covax ha bisogno di 5 miliardi di dollari nel 2021. Guterres ha detto mercoledì che 130 paesi non hanno ricevuto una singola dose del vaccino e ha dichiarato che “in questo momento critico, l’equità del vaccino è il più grande test morale davanti alla comunità globale”. Il gruppo dei sette Paesi industrializzati sono Stati Uniti, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Francia, Canada e Italia. Oltre a discutere la distribuzione del vaccino, Biden prevede anche di utilizzare l’incontro per discutere la competitività collettiva dei Paesi del G-7 e le sfide economiche poste dalla Cina, secondo la Casa Bianca. Biden dovrebbe anche consegnare un indirizzo virtuale alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco venerdì prima di recarsi nel Michigan per visitare l’impianto di produzione di vaccini di Pfizer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, superati i 110 milioni di contagi nel mondo: 10 solo in Brasile. Nuova variante del virus identificata in Giappone

next
Articolo Successivo

Perseverance atterrato su Marte con successo: applausi e lacrime di gioia alla stazione della Nasa

next