“Dobbiamo essere orgogliosi del contributo italiano alla crescita e allo sviluppo dell’Unione europea. Senza l’Italia non c’è l’Europa. Ma, fuori dall’Europa c’è meno Italia. Non c’è sovranità nella solitudine. C’è solo l’inganno di ciò che siamo, nell’oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere”. Lo dice il presidente del Consiglio, Mario Draghi, nel discorso programmatico in Aula al Senato. L’ex numero uno della Bce ha parlato anche di euro in modo categorico: “Sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’euro, significa condividere la prospettiva di un’Unione Europea sempre più integrata che approderà a un bilancio pubblico comune capace di sostenere i Paesi nei periodi di recessione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le parole di Draghi sull’euro sono un calcio al sovranismo: se Salvini le vota non potrà tornare indietro

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lapsus di Draghi sulle terapie intensive: “Due milioni di persone ricoverate”. Ma viene corretto da Giorgetti – Video

next