Lucia Farenzena, presidente presso Consorzio Turistico Marmolada Dolomiti: “Ci eravamo svegliati con un po’ di entusiasmo perché ci hanno comunicato la riapertura delle piste da sci, per noi un po’ di luce in fondo al tunnel. La comunicazione di chiusura fino al 5 marzo è stata una mazzata. Governo nuovo ma sistema vecchio, una totale assenza di tempismo, dalla sera alla mattina da aperto a chiuso. Le modalità con le quali si interviene nella vita dei cittadini deve essere diversa. Ristori immediati, la gente sta avendo difficoltà a mettere i cibo in tavola, fate qualcosa e fate presto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Speranza blocca lo sci fino al 5 marzo: “Rischio varianti”. E l’unità nazionale va subito in crisi: Lega, Italia Viva e Regioni contro il ministro

next
Articolo Successivo

“La variante inglese uccide di più”: lo studio voluto da Biden, Johnson, Merkel e Macron al vaglio del Comitato tecnico scientifico

next