La cerimonia della campanella, che segna simbolicamente il passaggio di consegne tra gli inquilini di Palazzo Chigi, negli ultimi dieci anni ha visto protagonisti molto diversi, dando vita a situazioni radicalmente differenti tra loro. Dall’approccio scherzoso di Silvio Berlusconi, che il 16 novembre del 2011 ha voluto tenere ancora una volta la scena con un divertito Mario Monti, fino al gelo imbarazzante che ha caratterizzato la cerimonia del 22 febbraio 2014, quando Enrico Letta (tutt’altro che sereno) dovette cedere la campanella proprio a Matteo Renzi. Il passaggio di consegne tra Matteo Renzi e Paolo Gentiloni, invece, è avvenuto all’insegna degli abbracci e dei baci a favore di telecamere. Ultimo passaggio, quello del 2019, anche questo insolito, tra Giuseppe Conte e Giuseppe Conte, nel passaggio tra i due governi presieduti dallo steso premier.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Bassolino rompe gli indugi e si candida a sindaco di Napoli. Tra il 1993 al 2000 fu artefice del “Rinascimento napoletano”

next
Articolo Successivo

Draghi: “Governo ambientalista. Storie diverse ma unità è dovere”. Le prossime tappe: fiducia, appuntamenti Ue e misure anti-Covid

next