Chi è Paolo Bellini, accusato dalla Procura generale di essere “il quinto uomo” del commando che agì a Bologna il 2 agosto 1980, causando la peggiore strage della storia recente d’Italia e la morte di 85 persone? Quali segreti nasconde? “Bellini va arrestato” avevano chiesto i pm, ma il tribunale ha rigettato la richiesta. “In aula mi difenderò – si limita a dire lui – E rideremo”. Il suo curriculum criminale già oggi fa impressione. In un trentennio il bandito di Reggio Emilia ha ammesso l’assassinio del militante di Lotta Continua, Alceste Campanile, eseguito per conto di Avanguardia nazionale; all’alba della Seconda Repubblica ha giocato un ruolo nelle trattative fra Stato e mafia intercorse fra l’uccisione di Falcone e Borsellino e le bombe esplose a Firenze, Roma e Milano nel 1993. Nel ’99 si è autoaccusato di oltre 10 omicidi per conto della ‘ndrangheta in Emilia-Romagna. Soprannominato “la primula nera”, secondo l’accusa è lui la figura centrale nel nuovo processo per scoprire esecutori, mandanti e depistatori della strage alla stazione di Bologna. Attraverso la consultazione di atti giudiziari, rapporti di polizia, inchieste giornalistiche, interviste con magistrati e investigatori che hanno indagato su di lui, emerge la figura di un personaggio unico nel suo genere.

L’UOMO NERO E LE STRAGI
Dall’eccidio di Bologna alla trattativa con la mafia, il mistero del neofascista Paolo Bellini
di Giovanni Vignali
Dall’11 febbraio nelle librerie e nelle edicole dell’Emilia Romagna e di Firenze, Milano, Roma e Torino (ed. PaperFirst)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Inchiesta tangenti Foggia, nelle intercettazioni spunta anche il nome del sindaco. Al momento non è tra gli indagati

next
Articolo Successivo

Caso Suarez, sentito come testimone il presidente della Juventus Andrea Agnelli

next