“Il piano che ci ha esposto è un piano di ampio respiro quindi non è un piano ‘adesso faccio tre cose e me ne vado’ – e nel dettaglio – oltre ovviamente a Recovery e vaccini, riforma della Pubblica Amministrazione, giustizia e fisco: cose che gli italiani aspettano da anni”. Così Carlo Calenda e Matteo Richetti, dopo essere stati ricevuti alla Camera dei deputati per il secondo giro di consultazioni con Mario Draghi. Sull’idea del Pd che propone sia solo un ‘governo di scopo’ a causa della presenza della Lega e di Salvini e con quest’ultimo che oggi propone un governo ‘modello Lombardia’, Calenda sbotta: “Ora i partiti non gli rompano le balle. Per noi il Draghi può arrivare alla fine naturale della legislatura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s: prima le consultazioni, poi il voto su Rousseau. Segui la diretta con Peter Gomez

next
Articolo Successivo

Governo, Sgarbi dopo il colloquio con Draghi: “Gli ho detto che ho impegni e preferirei che si votasse la fiducia da lunedì”

next