Il Parlamento deve solo votare la fiducia al nuovo presidente del Consiglio oppure sta eleggendo anche il futuro presidente della Repubblica?

Dall’assembramento che si è fatto intorno a Mario Draghi sembra che tutto conduca oltre palazzo Chigi. Per non fare esplodere nelle contraddizioni un governone di taglia XL, tenendo nel recinto l’uno e il suo opposto (flat tax e progressività, prescrizione e anti prescrizione, cemento armato a go go ed ecologismo, fedeltà fiscale e condono) super Mario dovrà ricondurre nell’alveo della “salvezza nazionale”, ruolo del resto a lui affidato, il programma. E i due grandi tronchi già ci sono: vaccinazioni prima possibile e recovery plan. Questioni comunque enormi che porteranno via tanto impegno e concederanno agli alleati, i sinceri e i travestiti, una prova possibile di coesistenza.

Entro l’anno dovranno essere terminate le vaccinazioni.

Entro l’anno il Recovery dovrà essere non solo elaborato, ma anche avviato alla realizzazione.

Ipotizziamo unanime consenso. E poi?

Poi, esattamente tra dodici mesi, si dovrà eleggere il successore di Mattarella.

Non sempre in politica uno più uno fa due. Però potrebbe anche darsi, nevvero?

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Letizia Moratti, la manager nata con il tailleur: già due strafalcioni da assessore, ma le critiche arrivano timide e sottovoce

next
Articolo Successivo

Covid, a ognuno il suo virologo preferito: ce n’è per tutti i gusti (e per tutte le simpatie politiche)

next