“Farò di tutto affinché il mio gruppo voti contro e se Draghi scegliesse ministri politici per me non cambierebbe niente“. Gianluca Castaldi, senatore del Movimento 5 stelle e sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento del governo Conte, è netto sul tentativo del governo guidato da Mario Draghi. E aggiunge: “Ci aspettiamo che il Pd non renziano sia leale come lo siamo stati noi”. Anche Barbara Lezzi è netta: “Io voto contro”. Rischio scissione nel Movimento? “Io ho una certezza: nei momenti difficili il M5s si ritrova e diventa sempre più forte”. “È assolutamente prematuro dire no a Draghi“, è invece la posizione di Carla Ruocco che sul Pd, già disponibile verso il tentativo di Mario Draghi, dopo aver detto ‘o Conte o voto’ pronuncia un laconico: “Non commento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Draghi dopo il colloquio con Mattarella: “Mi rivolgerò al Parlamento. Fiducioso che dal confronto con i partiti emerga responsabilità”

next