Flash mob davanti al Castello sforzesco di Milano per chiedere la chiusura dei campi profughi in Bosnia, l’apertura dei corridoi umanitari e lo stop ai respingimenti e alle violenze della polizia croata nei confronti dei richiedenti asilo in cammino sulla rotta balcanica. L’iniziativa è stata organizzata dall’associazione Rete Milano, realtà composta da volontari che si occupa di dare assistenza e aiuto ai migranti, ed Help Refugees. I partecipanti hanno portato torce, candele e coperte, e alzato dei cartelli con la bandiera dell’Unione europea raffigurata con una corona di filo spinato. “Questa situazione è inaccettabile, l’Europa deve intervenire“, ha spiegato Fausta Omodeo, presidentessa di Rete Milano, “la polizia di frontiera nell’attuare i respingimenti al confine tra Bosnia e Croazia non rispetta i diritti umani dei rifugiati”. Da anni ormai migliaia di persone provenienti da Afghanistan, Siria, Pakistan, Iraq e Iran sono bloccati in Bosnia, nelle città sul confine con la Croazia, vivendo al freddo, con poco cibo e senza acqua potabile. Nei numerosi tentativi di entrare in Europa, camminando a piedi nei boschi della Croazia e della Slovenia, spesso subiscono le violenze degli agenti croati che, dopo averli malmenati e derubati, li riportano in Bosnia. L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha definito la situazione dei migranti bloccati nei Balcani una vera e propria “catastrofe umanitaria”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rsa fuori controllo, l’inchiesta di Rainews24: “In Lombardia stop ai medici del lavoro nelle case per anziani a marzo e aprile 2020”

next
Articolo Successivo

Voto storico in Portogallo, il Parlamento dice sì alla legge per legalizzare l’eutanasia in situazioni di “sofferenza o gravità estrema”

next