Sono migliaia i migranti rimasti senza un letto o un riparo, dopo che un vasto incendio ha distrutto il campo profughi di Lipa, vicino alla città bosniaca di Bihac, a pochi chilometri dalla frontiera croata. Vagano all’aperto, con temperature che in queste zone della Bosnia-Erzegovina vanno non di rado sotto lo zero, a volte con solo ciabatte o scarpe mal ridotte ai piedi. E dormono in edifici abbandonati, in boschi o ricoveri di fortuna. Da anni ormai le Ong denunciano le condizioni drammatiche in cui vivono i richiedenti asilo che viaggiano sulla rotta balcanica. Ora, dopo il rogo di Lipa, anche l’Organizzaizone internazionale per le migrazioni parla del pericolo di una vera e propria “catastrofe umanitaria“.

I migranti che intraprendono questa strada arrivano soprattutto dall’Afghanistan, dal Pakistan, dall’Iraq e dalla Siria e tentano di entrare in Europa a piedi, camminando nei boschi, in quello che viene definito da loro stessi il “game” . Spesso vengono respinti dalla polizia croata e riportati al confine con la Bosnia, dopo essere stati percossi e derubati. Per questo il game viene tentato più e più volte, talvolta decine. Secondo l’Oim, sono circa 8mila i migranti che si trovano in questo momento in Bosnia-Erzegovina. E se fino a qualche anno fa la popolazione locale si mostrava tollerante e solidale, ora il clima è cambiato ed è aumentata l’ostilità nei confronti dei profughi. Dopo l’incendio di Lipa, infatti, il trasferimento degli sfollati verso il centro della città di Bihac è stato bloccato a causa delle proteste di gruppi di cittadini. Per questo molti migranti, rimasti senza un posto dove dormire, si sono messi i viaggio verso la città di Sarajevo, dove però la situazione è già al collasso.

Il video mostra alcuni momenti della distribuzione di cibo e viveri organizzata dall’ong SOSBihac in collaborazione con SOSBalkanRoute, realtà no profit tedesca impegnata da tempo nell’assistenza e nell’aiuto dei migranti della rotta balcanica

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto in Croazia, scossa di magnitudo 6.4. Distrutto il centro di Petrinja, crollati l’ospedale e un asilo: “Almeno 7 morti, anche bambina di 12 anni”. Almeno 20 feriti, sei sono gravi – la diretta

next