La relazione del ministro Bonafede sulla giustizia? Ascolteremo, come abbiamo sempre fatto. Temo che sarà difficile votare diversamente da un no, perché aspettiamo ancora il tavolo promesso da Bonafede sui temi della giustizia, tavolo che non è stato mai avviato”. Sono le parole dell’ex ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, ospite de “L’aria che tira” (La7), a proposito del voto di Italia Viva sulla relazione del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a breve all’esame del Parlamento.

E aggiunge: “Sento che vengono tante sollecitazioni a rispondere a temi posti da Italia Viva e da altri partiti. Noi siamo pronti ad ascoltare. Ma se si afferma che in Italia nessuno va in carcere da innocente, c’è molto da riflettere. E’ una posizione che non condividiamo assolutamente”.
La senatrice renziana si pronuncia anche su un eventuale Conte Ter: “Noi non abbiamo mai chiuso al dialogo. Ho sempre detto che bisogna fare presto e che ci assumiamo la responsabilità delle dimissioni per invitarli ad accelerare la chiusura di questa crisi. Abbiamo consegnato le dimissioni e ci si è divertiti a cercare i ‘responsabili’ con pressioni enormi anche sui nostri parlamentari. Sono stati tampinati, lo trovo una mancanza di rispetto della dignità delle persone. Bisogna smettere subito con questa ricerca affannosa dei responsabili e provare a ricostruire la maggioranza, magari allargandola, ma dandosi un programma. Noi non abbiamo posto veti su nessuno. E’ su di noi che ne hanno posti“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, Enrico Letta spiega la strategia di Renzi: “Ha bisogno di un cambio di scenario che coinvolga Salvini e Meloni. C’è rischio elezioni”

next
Articolo Successivo

Salvini, il leader della Lega si toglie la mascherina e la mette in bocca. Le immagini girate dietro le quinte di DiMartedì

next