Rimangono stabili i nuovi contagi da coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, ma si abbassa il tasso di positività per il maggior numero di tamponi effettuati. Secondo l’ultimo bollettino diffuso dal ministero della Salute, sono 13.331 le persone risultate positive nell’ultima giornata, contro le 13.633 di ieri, a fronte di oltre 286mila test effettuati. Il tasso di positività cala quindi dal 5,1% di ieri al 4,6% di oggi. In leggero aumento il numero di vittime giornaliere: sono 488 le persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore, contro le 472 di ieri, con il totale che supera quota 85mila dall’inizio della pandemia.

Nelle ultime 24 ore sono 16.062 le persone guarite e dimesse. Un numero che fa scendere, per la prima volta da settimane, quello di coloro che sono attualmente positivi: oggi sono 498.834, 3.219 in meno rispetto a ieri. Di conseguenza si allenta leggermente anche la pressione sulle strutture ospedaliere: sono 2.386 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 4 nel saldo tra entrate e uscite rispetto a ieri. Nei reparti ordinari sono invece ricoverati 21.403 pazienti, in calo di 288 unità rispetto a venerdì.

Sono sette le regioni che hanno più di mille nuovi casi di Covid registrati nelle ultime 24 ore ed è ancora la Lombardia a far segnare l’incremento più alto, con 1.535 casi individuati. Seguono l’Emilia Romagna (1.310), il Lazio (1.297), la Sicilia (1.158), la Campania (1.150), il Veneto (1.030) e la Puglia (1.023).

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenica 24 gennaio sciopero Trenord: le linee dei treni che potrebbero subire variazioni e il sito per la circolazione in tempo reale

next