“Come disse Macaluso, senza la vicinanza umana e la conoscenza delle reali condizioni di vita dei lavoratori la sinistra non esiste. Perché non esiste la possibilità di trasformare la società” così il segretario della Cgil Maurizio Landini parlando alla cerimonia d’addio dello storico dirigente del Pci Emanuele Macaluso celebrato nella sede della Cgil a Roma. A margine, Landini ha sottolineato che non c’è altro modo per definire Macaluso che “comunista”. Nell’anniversario dei 100 anni dalla nascita del Partito comunista italiano, Landini parla di “esperienza politica terminata”. “Oggi ha prevalso un’idea di globalizzazione che ha riportato le persone a merce che possono essere comprate e vendute. Mai come adesso dobbiamo mettere al centro bisogni delle persone che hanno bisogno di lavorare per vivere”, aggiunge. Poi conclude: “Oggi va ridisegnata la società e realizzare gli obiettivi di fratellanza, solidarietà e giustizia sociale per i quali Macaluso si è battuto per una vita”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La destra critica la Cina solo perché sta all’opposizione. Ma a Pechino non importa nulla

next
Articolo Successivo

Livorno, cori e fischi contro la delegazione del Pd alle celebrazioni del centenario del Pci: “Via chi ha rinnegato la propria storia”

next