Si sono giocate in questo week end due grandi partite, Inter-Juve e Roma-Lazio, in due grandi stadi: San Siro e l’Olimpico. Ambedue dagli spalti vuoti per la pandemia. Sono andato a contare quanti spettatori l’uno e l’altro contenessero: 80mila il primo, 72mila il secondo. Né l’uno né l’altro avrebbero potuto ospitare, assiepati, tutti coloro che in questo tragico anno se ne sono andati.

Fa venire i brividi il pensiero e perciò rende più cruento lo spettacolo di oggi alla Camera, immemore o quasi di una tragedia dalla quale non siamo usciti, da un mistero che la scienza non sa risolvere.

Provocare la crisi di governo adesso, pur mettendo uno sull’altro tutti gli errori compiuti, è contro la logica, la banale comprensione, il minimo senso della misura. Questo, prima che ogni altra considerazione, resta il chiodo a cui sono appese le responsabilità di Matteo Renzi.

In qualunque modo vada, lo spettacolo di Montecitorio – riunito in seduta straordinaria, con l’ansia dei presenti e quell’eccitazione di chi coglie nella giornata un evento campale – disconnette la politica dalla società, le toglie la radice della sua funzione: rappresentarla.

Sono 82mila i morti e se quei morti fossero oggi vivi non riuscirebbero tutti a trovar posto a San Siro. E sappiamo che domani saranno di più, dopodomani ancora di più, e chissà per quanto tempo ancora. E tanti altri, troppi altri sono stati piegati, se non dalla salute, nella loro condizione economica, nelle loro speranze.

Solo oggi, ma perché c’è la crisi, il Parlamento riempie i suoi spalti. Solo oggi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ve ne andrete come chi ha defecato al centro della stanza di una casa occupata”: la similitudine di Borghi (Lega) contro il governo – Video

next
Articolo Successivo

Crisi di Governo, Santanchè: “Vogliono fare un governicchio incollaticcio. Spero non ottenga la fiducia, peggiorerebbe la situazione”

next