“Dalla crisi se ne esce con Conte e con la parte della maggioranza che è rimasta leale al programma di governo. Si vada avanti. Italia Viva si dimostra una forza politica inaffidabile”. Nicola Fratoianni parla di una crisi al buio “di cui è difficile rintracciare il merito perché – sostiene – quando si è discusso sul Recovery Plan ogni volta da parte di Renzi c’è stato un rilancio e quando fai così vuol dire che vuoi soltanto rompere”.

Da Leu si sostiene con forza: “Avanti con Conte e senza Italia Viva. Si vada in Parlamento e si veda se ci sono i numeri, del resto – afferma Fratoianni – qualcuno si preoccupa dei ‘responsabili’ ma ricordo a tutti che Italia Viva non si è presentata alle elezioni ed è nata in Parlamento grazie a parlamentari che venivano da altri gruppi”. Per Leu l’obiettivo di Matteo Renzi non era il Recovery Fund né il Mes, su cui “qualunque sia la geografia politica non ci sono i numeri” ma “l’obiettivo era scomporre il fronte progressista, è evidente, logorare Conte perché farlo significa mettere in crisi un’alleanza, quella tra M5S, Pd e sinistra, che non è solo la l’attuale maggioranza ma un progetto politico per il paese che io – conclude Fratoianni – intendo difendere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi di Governo, Salvini: “Ho parlato con Mattarella, ho chiesto di fare in fretta. Conte o viene in Parlamento o si dimette”

next
Articolo Successivo

Governo, Berlusconi: “Qualunque sia la soluzione, attuarla subito”. E Brunetta: “Conte ter? Italiani vogliono un esecutivo, non la crisi”

next