Suning “sta valutando le opportunità“: l’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, esce allo scoperto e dopo giorni di indiscrezioni conferma che è in corso una trattativa che riguarda la società nerazzurra. Le voci dei contatti tra Suning e il fondo Bc Partners non era mai state smentite, ma ancora nel fine settimana lo stesso Marotta aveva glissato la domanda. Ora invece l’ad dell’Inter è stato chiaro: “La proprietà Suning sta valutando le opportunità nell’interesse dell’Inter e nel rispetto del valore storico del club, del presente e del futuro. Il management sa di agire in un contesto solido, con un’area tecnica ben compattata”, le sue parole ai microfoni della Rai prima di Fiorentina-Inter di Coppa Italia.

Sarà partnership – con cessione di una quota di minoranza – oppure vendita definitiva? Questo Marotta non lo chiarisce e probabilmente è ancora prematuro per dirlo. Il fondo Bc Partners è un colosso nel mondo tecnologia-media-telecomunicazioni, ma non si è mai occupato di sport. Per la famiglia Zhang – che con Suning detiene circa il 70% dell’Inter – sarebbe il partner ideale per la gestione del merchandising e dei diritti televisivi (senza dimenticare lo stadio). Questa era l’ideale iniziale.

Secondo quanto filtra, però, sul tavolo non ci sarebbe solo un ingresso con una quota di minoranza ma addirittura una acquisizione del controllo di maggioranza del club. Il motivo principale è il cambio di politica di Pechino sugli investimenti nel calcio: il blocco è ormai una realtà ed esportare capitali dalla Cina è sempre più un problema. Inoltre, c’è l’impatto devastante della pandemia di Covid-19. Suning da quando ha preso in mano l’Inter ha investito la bellezza di oltre 700 milioni di euro ma vista la crisi ha imposto una ‘austerity’ per limitare le perdite. Per questo l’opportunità di una partnership con uno dei principali fondi di private equity a livello mondiale potrebbe rappresentare una boccata di ossigeno importante in termini di liquidità.

La conferma della trattativa da parte di Marotta arriva nel giorno in cui Il Sole 24 Ore racconta di un’accelerazione: Bc Partners infatti avrebbe avviato la due diligence, quindi l’analisi dei conti in casa nerazzurra. Il fondo ha incaricato il manager Nikos Stathopoulos di gestire l’affare e, spiega il Corriere della Sera, si discute di una valutazione complessiva della società nerazzurra intorno ai 750 milioni di euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il calcio tradizionale sta morendo, lo dicono i dati: giovani in crisi di affezione e audience tv a picco. Ultimo colpo? Stadi vuoti causa Covid

next
Articolo Successivo

Barcellona, ecco perché Messi non è l’unica incertezza. I danni del Covid e il rischio default: gli scenari per il futuro

next