Twitter ha deciso di limitare l’account del quotidiano Libero. Sul profilo ufficiale appare infatti un alert: “Attenzione: questo account è temporaneamente limitato“. Poi la spiegazione del social network: “L’avviso qui presente ti viene mostrato poiché l’account in questione ha eseguito delle attività sospette. Vuoi davvero proseguire?”.

“Non me ne frega un caz… Noi siamo come Trump, va bene. Io ritengo che Twitter sia guidato da una banda di poveri ignoranti che non capiscono le parole, penso possano avere interpretato male alcuni interventi. Mi fa anche piacere sottolineare la loro ignoranza. Sono cose incredibili“, è la reazione di Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero. Parlando all’Adnkronos, Feltri aggiunge: “Ma penso anche che Twitter abbia tutto il diritto di censurare, è un privato e i privati fanno quello che vogliono. C’è una ignoranza dominante e una stupidità senza freni che comanda. Libero come Trump!”.

Il riferimento è alla decisione di venerdì scorso, quando Twitter ha chiuso definitivamente il profilo del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, accusato di aver fomentato, con i suoi post incendiari, le rivolte che hanno portato all‘irruzione all’interno del Congresso americano dei supporter del tycoon che sostengono la sua tesi sui “brogli elettorali”, dei quali non esiste alcuna prova, durante le ultime Presidenziali di novembre. Oggi Francia e Germania sono intervenute sulla vicenda, dicendosi contrarie alla decisione del social network.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Scanzi domina ancora la classifica Sensemakers dei giornalisti più social d’Italia

next
Articolo Successivo

Libero, Twitter rimuove l’avviso dall’account del quotidiano: “Siamo tornati. Spiace”

next