“Si scrive Moratti, ma si legge Formigoni. Questa nomina è un salto indietro di vent’anni”. È questa l’accusa lanciata dal consigliere regionale del M5s, Marco Degli Angeli, che insieme ad alcuni suoi colleghi e a alcuni attivisti del Movimento ha protestato di fronte a Palazzo Lombardia contro i nuovi ingressi nella giunta Fontana. “Il presidente della Regione esce da questo rimpasto come il segretario di Salvini – conclude il consigliere regionale Massimo De Rosa – perché tutte le decisioni sono state prese da Salvini e da Berlusconi in altre sedi”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, Speranza: “Misure restrittive ancora per qualche mese. Vaccinazioni? Siamo partiti bene”

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, la “sfilata” in stile red carpet della nuova Giunta. Moratti: “Il ritorno in politica? Convinta dalla determinazione di Fontana”

next