“Si scrive Moratti, ma si legge Formigoni. Questa nomina è un salto indietro di vent’anni”. È questa l’accusa lanciata dal consigliere regionale del M5s, Marco Degli Angeli, che insieme ad alcuni suoi colleghi e a alcuni attivisti del Movimento ha protestato di fronte a Palazzo Lombardia contro i nuovi ingressi nella giunta Fontana. “Il presidente della Regione esce da questo rimpasto come il segretario di Salvini – conclude il consigliere regionale Massimo De Rosa – perché tutte le decisioni sono state prese da Salvini e da Berlusconi in altre sedi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Speranza: “Misure restrittive ancora per qualche mese. Vaccinazioni? Siamo partiti bene”

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, la “sfilata” in stile red carpet della nuova Giunta. Moratti: “Il ritorno in politica? Convinta dalla determinazione di Fontana”

next